In questa sezione potrai trovare racconti e biografie di chi ha fatto la storia del mondo a due ruote

Buona lettura!

05/01/2018, 22:45



SX-Los-Angeles-1998


 Il miracolo di Seb Tortelli



Se si escludono le primissimestagioni della sua storia, il campionato Supercross AMA è sempre stato un feudoquasi intoccabile dei piloti americani, inventori e interpreti inarrivabili diuna specialità che ha gradualmente preso una vita propria rispetto al motocrosstradizionale.


Pochi, pochissimi sono stati glieuropei in grado di battere gli yankees (o comunque i piloti cresciuti con lascuola americana) sul loro terreno preferito. L’unico a riuscirci in manieraindiscutibile fu Jean-Michel Bayle, di cui abbiamo già narrato le gesta, maanche altri sono riusciti a mettersi in luce: pensiamo a David Vuillemin, KenRoczen, Marvin Musquin e anche Sebastien Tortelli, capace di compiereun’impresa passata alla storia nella prima gara del Supercross 1998.


In quella stagione, la garad’apertura del campionato si disputa al Coliseum di Los Angeles. Il tracciatonon è in perfette condizioni, a causa delle piogge che nei giorni precedentihanno allentato notevolmente il fondo, costringendo addirittura gliorganizzatori ad annullare le prime prove del venerdì. Nonostante il clima pocoinvitante, sono oltre 60 mila gli spettatori presenti in tribuna.


L’entusiasmo per il via dellanuova stagione è alle stelle, dopo che nel 1997 si era verificato un fattostorico: Jeff Emig era riuscito a strappare la targa n.1 del Supercross, interrompendoquattro anni di dominio incontrastato di Jeremy McGrath. L’attesa per larivincita tra i due campioni, dunque, è altissima e tutti si aspettano divedere fin da subito un duello da scintille, nonostante in pista ci siano tantialtri piloti in grado di dire la loro (Lusk, Henry, Pichon, Albertyn, Windham eLaRocco).


Al via scatta in testa Doug Henry,con l’unica 4T in pista, la nuovissima Yamaha 400. Alle sue spalle si piazzanosubito McGrath, passato anch’egli alla Yamaha, ed Emig. Jeremy ha una granvoglia di riscattare le delusioni del 1997, ma commette dei piccoli errori checonsentono a Emig e Pichon di superarlo. Il francese della Suzuki è scatenato,tenta il sorpasso anche su Emig, ma finisce per terra.


Nel frattempo, dalla dodicesimaposizione, sta risalendo come una furia Sebastien Tortelli. Seb non è certo unveterano del Supercross, la maggior parte del pubblico del Coliseum non saneanche chi sia, ma non sembra avere alcun timore reverenziale verso i grandicampioni americani. Li supera uno per uno in maniera fantastica, fino adarrivare al quarto posto, alle spalle di Emig e McGrath.


Ce ne sarebbe già abbastanza peressere soddisfatti, ma Tortelli è in stato di grazia. In un attimo si sbarazzadi Mcgrath ed Emig, che subiscono il sorpasso senza accennare nemmeno a unareazione. Il francese fa la differenza sui tratti più rovinati dal fango, dovesembra davvero volare rispetto agli americani. Adesso davanti a lui rimane soloHenry.


Doug fin qui ha fatto una garamagnifica, resistendo alla pressione di tutti gli inseguitori e conservando un esiguoma importante vantaggio da gestire nelle fasi finali. Ma in prossimità dellabandiera bianca, che indica l’inizio dell’ultimo giro, Tortelli si fionda su dilui e lo passa di slancio. Henry, quasi sorpreso dal sorpasso, si disunisce e pochecurve dopo finisce anche per terra, ripartendo attardatissimo.


Tortelli porta a termine l’ultimogiro con la freddezza di un veterano, andando a cogliere la sua prima vittoria nelSupercross. L’impresa del francese è salutata come un vero miracolo, vista lafacilità con cui ha rimontato uno dopo l’altro tutti i migliori specialistimondiali dell’indoor. Emig e Mcgrath chiudono rispettivamente in seconda eterza posizione, anche loro sicuramente scottati dall’umiliazione subita permano del giovane rivale. Lo stesso Seb sul podio ha un’espressione mista difelicità e incredulità, per aver fatto una cosa destinata a rimanere negliannali.


Per Tortelli, il 1998 sarà persempre l’anno magico: dopo la sorprendente vittoria al Coliseum, conquisteràanche il campionato del mondo della 250, piegando in un duello strepitosoStefan Everts. A partire dal 1999, il francese si trasferirà a tempo pienonegli States, ma non riuscirà più a ripetere le imprese del ’98, frenatosoprattutto da tanti infortuni.


Il miracolo del Coliseum, però,rimane ancora oggi nella memoria di tanti appassionati. Una gara entrata didiritto nella leggenda del Supercross e che porta la firma di SebastienTortelli, re per una notte.


  Matteo Portinaro

17/12/2017, 18:20



Joel-Smets-“Age-doesn’t-matter-if-you-want-to-be-a-champion”


 Interview with Joel Smets



FiveWorld Championship titles, three Motocross des Nations, 57 Grand Prixwins and a "Belgian Sportsman of The Year" award. Thisoutstanding prize-list would be enough to introduce you to JoelSmets.

Thosewho saw him racing all agree about Joel’s nickname, "The Lion":the grit of a warrior, an overwhelming strength and an insatiableappetite for thewin made Smets one of the greatest champions of alltimes, despite weare surely not talking about a chosen one.

Bornin Dessel, in the heart of Flanders, on April 6th1969, Joel never touched a motorbike until he was 17, when his unclebought him a 500 cc. He started racing with the big bikes and henever left them. In just four years, he arrived to the WorldChampionship, where he raced for sixteen seasons, until 2005,realizing an extraordinary career.
NowadaysSmets is the KTM sport director for motocross. During the winter, hecontinuously move from a place to another to follow the riders’training for the new season. We seized the opportunity of his visitin Rome, for a KTM test at the Malagrotta track, to set up aninterview.

Let’stry to make a top 3 of the best races of your career. I would sayMotocross des Nations 1995, GP of Namur 2000 and GP of Zolder 2005.Do you agree?
"Inever thought about it, but yes, I think that’s correct".

OK,now you have to tell us about them. Let’s start from Des Nations’95, in Slovakia.

"Itwas my fastest race ever. I won moto-1, while in moto-3 my gatedidn’t drop and when I could move, the others were already at thefirst corner. In the first lap I made a super comeback from 40thto 10th,but in the meantime the track marshals checked my gate and saw thatit was really broken, I had no fault, so they gave the red flag tore-start the race. My comeback was useless, but the fact remains: Ipassed 30 guys in less than one lap! I think that was the fastest lapof my entire life".

Adouble damage! A bad gate first and then the comeback stopped.

"Yes,and I tell you more: in the re-start everything was normal and, atthe end of the first lap, I was only 12th.It was better when I started last than when I started withoutproblems! Anyway, in the end all went good, I finished the race 2ndand Belgium won Motocross Des Nations after 15 years. A few daysbefore that race I won my first world title, then I won Des Nationstoo, at my first participation and 15 years after the last Belgianvictory. What a fantastic season!".

Now let’s talkabout the GP of Namur 2000. That was the day of your fourth worldtitle, won in front of your home crowd at the most famous motocrosstrack in the world.
"Sometimes now Ihave to look back at the pictures of that day to realize how big itwas. There were I don’t know how many thousands of people andduring the lap of honour the fans entered the track to celebrate me.When I arrived down to the Chalet du Monument it was a total madness:everybody shouting, hugging me... I thought I was never gonna make itto climb up again to the Esplanade, because there were so manypeople... Look at my arm now, I still got goosebumps!".

Yeah, it’strue! And the strange fact, for a champion like you, is that you wonin Namur only that time.
"Let me thinkabout it... Yeah, you’re right! Well, for me Namur has always beenlove and hate..."

I think you arereferring to 2001 Motocross des Nations, always in Namur. Perhaps theworst race of your career.
"Whata bad memory! That time I raced with the 250 2-stroke, a bike that Ihad never ridden before, except for one race in 1998. Anyway, I wasreally motivated and all the team was thinking that I could have donewell. Unfortunately, I’ve been very unlucky in the last moto.Garcia Vico crashed in front of me, I hit him and my bike lost theradiator cap. I didn’t realize it and quickly re-started, butobviously the liquid leaked out at the first jump, so I had to enterthe pit-lane. Usually the mechanics don’t have a spare radiator capin the pit-lane, so I made one more slow lap while they were going toget a cap and eventually I had to stop once more in the pit-lane. Ilost an incredible amount of time and Belgium did not win the Nationsclassification because of my problems. I was so disappointed that Ididn’t even want to step on the podium, only Joel Robert convincedme to".

TheGP of Zolder 2005 was your return after a serious disease. There youwon a moto and cried in front of the fans on the podium. Can you talkabout your illness?
"Firstof all, one of the best achievements of my career is that I racednonstop every GP from 1990 until 2003: I never missed a race forfourteen years in a row. Nobody else could do that. Then, in 2004 Ibroke my knee at the Mantova Starcross, but I decided to delay thesurgery, because I had just signed a new contract with Suzuki and Ididn’t want to lose the entire season. So I tried not to give up,but every time I was riding I had so much pain that my body gotexhausted little by little, until I got weak for a bacterialinfection. That was really bad, I went to the hospital, but the feverwasn’t going down and the doctors couldn’t heal me, so theybrought me to another specialized hospital near Bruxelles. I wasthere for two weeks in intensive care, then I continued takingantibiotics for several months at home. At that stage I was reallyscared and I wasn’t thinking at motocross anymore".


The impressivepart of this story is that when you re-start racing, in 2005, youwere already 36, but anyway you made it to the top again. How did youfind the motivation?

"Iwas lucky because I had a 2-years contract with Suzuki: if in 2005 Ihad to find a new bike, probably nobody would have hired a 36years-old rider with such health problems. After the worst phase ofthe disease, I slowly recovered and began to train more and more. Iwas feeling good, so I thought that I could come back to races. I wasmotivated to prove that Suzuki was a good bike and I was not doneyet. I still had the same love for racing and physically, believe itor not, I felt stronger at 36 than when I was 20".

Was it becausethe bikes were easier to ride?

"No, it was justmy body. I felt good. You can see it also with Cairoli now: he racessince a long time, but physically he’s still on top and he couldstill stay there for a few years".

So you think thatCairoli will continue to be a top rider until 36, just like you?
"If we talk aboutphysical possibilities, I have no doubt about it. He’s in greatshape and a man is still strong at 36. In our sport is possible toride at the top level until that age. The keys are be work-oriented,keep motivated and stay away from injuries".

If the key torace until advanced age is avoid injuries, do you think that Herlingswill make it?

"It depends on toomany things. One that we should not forget is that I started racingvery late, at 17, instead Jeffrey races since he was 6. It’s moredifficult for guys like him to keep healthy and motivated until 36".

This argument isvery important. Nowadays it is impossible to become a top rider ifyou don’t start racing when you’re a child. Don’t you thinkthis is a bad thing? I mean... If you had started racing today, at17, you would never have become a champion!

"I’m not sure.Yes, the financial situation is different now, because today if youwant to race the European championship or the World championship youhave to pay, instead I didn’t have money and I could go ahead raceby race thanks to prize money. Nowadays maybe I couldn’t begin acareer. However, apart from the money, the talent, the desire and thedetermination that you need to make it are always the same. Itdoesn’t matter if a kid starts racing at 6, 8 or 10: if he lacksthe deep desire to become a champion, he will never make it. I cansee it today with Herlings and Cairoli: they’ve got the fire intheir soul! But also Everts, or myself... all the champions are thatway".

So, the agedoesn’t matter?

"It’s notessential. If Everts would have start racing at 17, like me, maybe hecould not win ten world titles, but for sure he would have been achampion, because he had talent, desire and determination. The sameholds for Cairoli. Of course, you need to give yourself the time tolearn, make experience and become strong: if you start racing at 16,you can’t become world champion at 18, that’s clear. But youstill have time to make it, if you really want. And I tell yousomething more: if you get on top when you’re still a boy, it maydamage you, because you’re not ready physically and mentally".


In fact, theworld is full of young talents lost along the way, because thepressure is too much for them.
"True! I startedracing at 17, debuted in the World championship at 21 e became Worldchampion at 26, when I was at my best physically and mentally.Instead, if you are on top of the sport but you’re still a boy,it’s very difficult to handle certain situations. You need greatmental strength".

Don’t you thinkthat the under 23 rule in MX2 is a too big disadvantage for who isnot a kid, then?

"Maybe, but thisrule is only for the MX2 class. I never raced in 125 and 250, Istarted directly with the 500. Also Desalle made the same: he wentstraight to the top class and yet became a top rider".


You have been oneof the first riders to race with a 4-stroke bike, in the early 90’s.Did you imagine at that time that 4-stroke was going to be the futureof motorcycling?

"I wasn’tconvinced that much, but I had good advices from Roger De Coster. Imet him every year in Glen Helen, where we raced the US GP until1992. Once we were talking about racing on a 4-stroke and things likethat and Roger said that it could have been a good choice, because inthe US they wanted to ban the 2-stroke due to pollution, so hethought that 4-stroke was going to be the future. Obviously Ifollowed his advice".


Do you know thatRoger De Coster recently said that he would ban the 250 4-stroke andreplace it with the 250 2-stroke?
"Really? Well,maybe it would be good. However I’m not interested too much in thisargument. Motocross is always nice, you can choose any bike youwant".


The world ofmotocross knows and respects you not only as a champion, but also asa man. Have you ever been in a bad relationship with some colleague?

"No, I reallydon’t think so. For me life is easier if you can talk and laughwith everyone, instead of making fights. We all have something goodand something bad: my parents taught me to respect everybody and mylife philosophy is try to take the good from every situation. Ialways had this attitude, even with the colleagues".

But you weren’tso gentle during the races...

"No, no! When thehelmet was on... bam! (laughs).Maybe sometimes I got angry for a hard contact or a block-pass, butit was racing stuff. Outside the track I always loved to have funwith everybody".


Claudio Federicionce told us that you and Everts were great both in racing and inpartying. Now it’s your turn: do you wanna reply?
"Well, I can’tdeny that I was often one of the worst... but Claudio was not badeither. Actually, he was the world champion in parties! (laughs).I found a good balance between work and party; instead Claudio’sbalance was a little bit twisted on the party side (laughsagain). Jokes aside, for me having funhas always been very important: I gave 200% at every race and everytraining, but I also needed to relax and pull the plug. But don’tget me wrong..."

You can explainas you want...
"When I say party,I don’t say drinking and staying awake until late in the night.Party for me is dining together, having fun, making jokes and beingstupid. But at 10 o’clock everybody go to bed, because tomorrowmorning we have to work again. That’s something I do also now withthe guys of KTM team. If you need to give 200% in your work, you haveto be able to let the pressure off in the right way. That’s veryimportant".

Tell us aboutyour work in KTM. What do you do exactly?
"KTM is a verywell organized company: we have very clever people and we try to makeit that way that everybody has his own job. I’m the sports directorand my job is coaching the riders, supervise their work and help themto communicate with the engineers of the Factory if necessary. As aformer rider, for me it’s easier to understand the words of a riderthan for an engineer. During races I use a lot the camera tape forvideo-analysis and comparisons with our rivals, while in testing wefocus more on data and riders’ feelings. I’m not testing thebikes myself anymore, but I’m always assisting outside the track,so I can still analyse the action of the bike and the rider. At theend of every day of testing, I do a briefing with all the staff tomake a point".

Anyway you’rekeeping in great shape! Do you still ride motocross?
"I would love it,but I can’t. In 2004 and 2005 I completely fucked up both my kneesand now they hurt too much for motocross riding. I’m just trying tobe careful with the food and I often train with the guys during theweek, mostly I do cycling with them. So I can burn some calories."


And maybe drink abeer at parties...

"That’s right!(laughs)"

                                                                                           AlessandroCastellani
16/12/2017, 21:29



Joel-Smets-"L’età-non-conta-se-vuoi-essere-un-campione"


 Intervista a Joel Smets



Cinque titolimondiali, tre Motocross delle Nazioni, 57 Gran Premi vinti e untitolo di “Sportivo dell’anno” in Belgio. Basterebbe questopalmares eccezionale a presentare Joel Smets.


Chi l’ha visto correre, sa beneperché Joel è soprannominato “il leone”: grinta da guerriero,forza fisica straripante e una voglia di vincere insaziabile hannofatto di Smets uno dei più grandi campioni di tutti i tempi,nonostante non si possa certo parlare di un predestinato.

Nato a Dessel, nel cuore delle Fiandre,il 6 aprile 1969, Joel non ha mai toccato una moto fino a 17 anni,quando uno zio gli regalò una 500 due tempi. Cominciò a gareggiarenella classe maggiore e non la lascio più. Nel giro di appenaquattro anni approdò al campionato del mondo, dove è rimasto finoal 2005, dopo ben sedici stagioni coronate da straordinari successi.

Oggi Smets è il direttore sportivo deiteam KTM nel motocross. Durante i test invernali si spostacontinuamente da un posto all’altro per supervisionare lapreparazione dei piloti alla nuova stagione.
L’occasione di una sessione di test aRoma, sulla pista di Malagrotta, è stata quella giusta perun’intervista.

Joel, cominciamo provando a fare unatop 3 delle migliori gare della tua carriera. Io citerei il Motocrossdelle Nazioni 1995, il GP di Namur del 2000 e il GP di Zolder del2005. Sei d’accordo?

“Non avevo mai pensato a una cosa delgenere, ma devo dire che sono d’accordo”.


Bene, allora raccontacele tu.Partiamo dal Nazioni ’95, in Slovacchia.

“La gara in cui sono andato piùforte in tutta la mia carriera. Vinsi la prima manche, mentre nellaterza il mio cancelletto rimase bloccato e partii ultimissimo, congli altri già alla prima curva. Nel primo giro feci una rimontaincredibile e recuperai da quarantesimo a decimo, ma nel frattempo icommissari verificarono che il mio cancelletto era effettivamenterotto e fecero ripartire la gara. La mia rimonta fu inutile, marimane il fatto che avevo superato trenta piloti in un solo giro!Credo che sia stato il giro più veloce della mia vita”.


Chissà che rabbia: prima ilcancelletto rotto, poi una rimonta pazzesca annullata…

“Già. E pensa che alla ripartenzadopo il primo giro ero dodicesimo. Cioè, ero messo meglio quando eropartito per ultimo che quando ero partito con tutti gli altri! Allafine, per fortuna, andò tutto bene, finii la manche al secondo postoe il Belgio vinse il Nazioni dopo quindici anni. Pochi giorni primaavevo vinto il mio primo titolo mondiale, adesso vincevo anche ilNazioni, per di più alla mia prima partecipazione e col Belgio chenon vinceva da tanti anni. Che stagione fantastica!”.


Passiamo al GP di Namur del 2000. Fuil giorno del tuo quarto titolo mondiale, vinto davanti al pubblicodi casa e sulla pista di motocross più famosa del mondo.

“Ancora adesso devo riguardare lefoto per realizzare quanto è stata grande quella giornata. C’eranonon so quante migliaia di persone e durante il giro d’onore itifosi entrarono in pista per festeggiarmi. Quando arrivai giù alloChalet du Monument era un delirio: tutti che urlavano, miabbracciavano… ho pensato che non sarei mai riuscito a risalire incima alla Esplanade per quanto casino c’era. Guardami il braccio,ho ancora la pelle d’oca!”.



È
vero! E la cosa strana,per un campione come te, è che quella è stata l’unica volta incui hai vinto a Namur.
“Fammici pensare… Sì, hai ragione!Beh, per me Namur è sempre stata amore e odio…”.


Penso che tu ti riferisca alMotocross delle Nazioni del 2001, sempre a Namur. Forse la peggiorgara della tua carriera.

“Che brutto ricordo! Quella voltacorrevo con la 250 2 tempi, una moto che avevo usato soltanto unavolta, nel 1998. Però ero motivato ed eravamo tutti convinti cheavrei fatto bene. Purtroppo, nella terza manche fui molto sfortunato.Garcia Vico mi cadde davanti poco prima dello Chalet du Monument, nonriuscii a evitarlo, la mia moto perse il tappo del radiatore e io miaccorsi di non averlo più solo dopo essere ripartito, quando alprimo salto il liquido volò fuori. Andai in pit lane, ma i meccanicisolitamente non hanno con loro un ricambio del genere, così dovettifare un altro giro lento per dargli il tempo di andare a prenderlo epoi mi fermai di nuovo. Persi tantissimo tempo e, a causa dei mieiproblemi, il Belgio non vinse la classifica per nazioni. Io ero cosìdeluso che non volevo nemmeno salire sul podio, mi convinse a farlosolo Joel Robert”.


Il GP di Zolder 2005 era la gara deltuo ritorno dopo una grave malattia. Lì hai vinto una manche e sulpodio sei scoppiato in lacrime. Ci racconti cosa avevi passato?

“Per cominciare, ti dico che io perquattordici stagioni consecutive, dal 1990 al 2003, ho corsoininterrottamente tutti i Gran Premi, senza saltare nemmeno una gara.Nessuno ha mai avuto una striscia così lunga. Poi nel 2004 mi ruppiil ginocchio allo Starcross di Mantova, ma decisi di rinviarel’intervento chirurgico, perché avevo appena firmato il contrattocon Suzuki e non volevo perdere la stagione. Andai avanti per qualchegara, ma ogni volta il dolore era così forte che il mio corpos’indebolì sempre più, fino a quando non mi venne una fortissimainfezione batterica. Avevo la febbre alta e inizialmente i medici nonriuscivano a curarmi, così mi trasferirono in un ospedalespecializzato a Bruxelles; rimasi in terapia intensiva per duesettimane e poi continuai la cura per diversi mesi a casa mia. Inquel periodo ho avuto davvero paura e al motocross non pensavo più”.


La cosa incredibile di questa storiaè che tu nel 2005 avevi 36 anni, eppure sei riuscito a tornare altop. Come hai fatto a trovare le motivazioni a quell’età e dopo ilcalvario che avevi passato?

“Sono stato fortunato ad avere uncontratto biennale con Suzuki: se nel 2005 avessi dovuto trovare unamoto, probabilmente nessuno avrebbe ingaggiato un pilota di 36 annicon simili problemi di salute. Dopo aver superato la fase piùdifficile della malattia, piano piano tornai in salute e ricominciaiad allenarmi. Mi sentivo bene e così pensai che potevo tornare acorrere. Volevo dimostrare che la Suzuki era una buona moto e che ionon ero ancora finito. La voglia di correre era rimasta uguale efisicamente, sembra strano dirlo, mi sentivo più forte a 36 anni chea 20”.


Forse perché le moto eranodiventate più facili da guidare?

“No, ero proprio io che stavo bene.Lo puoi vedere anche con Cairoli oggi: corre da tanto tempo, mafisicamente è ancora al top e potrà rimanerci ancora per qualcheanno”.


Dunque credi che Tony potrà lottareper vincere fino a 36 anni, come te?

“Se parliamo di condizione fisica,sì. Lui è in gran forma e a 36 anni un uomo è ancora forte. Nelnostro sport è possibile rimanere al top fino a quell’età.L’importante è essere orientati al lavoro, avere le motivazioni etenersi alla larga dagli infortuni”.


Se la chiave per avere una carrieralunga è stare alla larga dagli infortuni, pensi che Herlings correràper molto?

“Dipende da tanti fattori. Una cosache non dobbiamo dimenticare è che io ho cominciato a correre moltotardi, a 17 anni. Jeffrey invece gareggia da quando ne ha 6: è piùdifficile per ragazzi come lui mantenersi sani e motivati fino a 36anni”.


Questo è un aspetto moltoimportante. Al giorno d’oggi è impossibile arrivare ai massimilivelli se non si comincia a correre da bambini. Non pensi che siauna cosa negativa? Voglio dire… tu hai iniziato a correre a 17anni. Se l’avessi fatto oggi, non saresti mai diventato uncampione!

“Non sono sicuro. Dal punto di vistaeconomico, sicuramente sì, perché oggi per correre l’europeo o ilmondiale bisogna pagare, mentre invece io non avevo soldi e sonopotuto andare avanti solo grazie ai premi gara. Oggi forse non potreicominciare una carriera. Però, escluso il discorso finanziario, iltalento, la voglia e la determinazione di cui hai bisogno peremergere sono sempre uguali. Non importa se un bambino comincia acorrere a 6, 8 o 10 anni: se non ha la vera ambizione di diventare uncampione, non lo sarà mai. Guarda Herlings, guarda Cairoli: hanno ilfuoco dentro! Anche io ed Everts eravamo così, tutti i campioni sonocosì”.


Quindi l’età non conta?

“Non è determinante. Se Evertsavesse cominciato a correre a 17 anni come me, magari non avrebbevinto dieci titoli mondiali, ma stai sicuro che sarebbe comunquediventato un campione, perché aveva il talento, la voglia e ladeterminazione. Lo stesso discorso vale per Cairoli. Certo, c’èbisogno di tempo per imparare, fare esperienza e diventare forti: secominci a correre a 16 anni, non puoi diventare campione del mondo a18. Ma hai comunque tempo per farcela, se lo vuoi davvero. E ti dicodi più: se arrivi al massimo quando sei ancora un ragazzo potrestiavere problemi, perché forse non sei ancora pronto fisicamente ementalmente”.


Infatti è pieno di giovani talentiche si perdono per strada perché non reggono la pressione.

“Certo! Io ho cominciato a correre a17 anni, ho debuttato nel mondiale a 21 e sono diventato campione delmondo a 26, quando ero al meglio sia fisicamente che mentalmente. Seinvece arrivi al massimo quando sei ancora un ragazzo, è moltodifficile gestire certe situazioni. C’è bisogno di grande forzamentale”.


E allora non credi che la regoladella MX2 under 23 sia una penalizzazione troppo grande per chi noncomincia giovanissimo?

“Forse sì, ma il limite di etàesiste solo per una classe. Io non ho mai corso nelle classi minori,ho cominciato subito con la 500. Anche Desalle ha fatto lo stesso: èpartito direttamente dalla classe regina ed è diventato comunque untop rider”.


All’inizio degli anni ’90, seistato uno dei primi piloti a correre con le moto a quattro tempi.T’immaginavi che quello era il futuro del motociclismo mondiale?

“In realtà non ne ero moltoconvinto, però ho avuto dei buoni consigli da Roger De Coster. Loincontravo tutti gli anni a Glen Helen, dove fino al 1992 si correvail GP USA. Una volta parlavamo della possibilità di correre con unamoto a quattro tempi e Roger mi disse che non sarebbe stata unacattiva scelta, perché in America volevano bandire il due tempi pervia dell’inquinamento, quindi lui credeva che il quattro tempisarebbe stato il futuro. Ovviamente ho ascoltato i suoi consigli”.


Sai che recentemente De Coster hadetto che abolirebbe la 250 4T e al suo posto farebbe una categoriasolo per le 250 2T?

“Ah, sì? Beh, non sarebbe male. Main generale queste cose non m’interessano molto. Il motocross èbello con qualsiasi moto”.


Nel mondo del motocross seiconosciuto e apprezzato non solo per le vittorie, ma anche per il tuolato umano. C’è mai stato qualche pilota con cui hai avuto cattivirapporti?

“No, non credo. Secondo me la vita èpiù semplice se puoi parlare e scherzare con la gente, invece difare le guerre. Ciascuno di noi ha qualcosa di buono e qualcosa dicattivo: i miei genitori mi hanno insegnato a rispettare le persone ela mia filosofia di vita è prendere il buono da ogni situazione.Quest’atteggiamento l’ho avuto anche con i colleghi”.


Però in pista non eri propriamentegentile…

“No, no! Quando mettevo il casco…bam!
(ride). Magari qualche volta m’incazzavo per qualche contattoun po’ troppo duro, ma erano cose che nascevano e finivano con lagara. Fuori dalla pista mi è sempre piaciuto divertirmi con tutti”.

Claudio Federici una volta ci hadetto che tu ed Everts eravate fortissimi sia a correre che a farecasino nelle feste. Adesso è il tuo turno, cosa gli vuoi rispondere?

“Non posso negare che io spesso erouno dei peggiori
(ride)… ma anche Claudio non si tirava indietro.Anzi, lui era proprio il campione del mondo dei party! (ride). Ioavevo trovato un buon equilibrio tra lavoro in pista e divertimento;invece la bilancia di Claudio era un po’ squilibrata verso i party(ride ancora). Comunque, a parte le battute, il divertimento èsempre stato molto importante per me: io davo il 200% in ogni gara ein ogni allenamento, ma avevo anche bisogno di relax, di staccare laspina. Ma non fraintendere quello che voglio dire…”

Spiegati pure!

“Quando dico party, non intendo beree stare sveglio fino a tardi. Il party per me è semplicemente andarea cena insieme, divertirsi, fare scherzi e cose stupide. Ma alledieci si va a letto, perché la mattina dopo si ricomincia a lavorareal massimo. È una cosa che faccio anche adesso coi ragazzi del teamKTM. Se vuoi rendere al massimo, devi essere bravo a scaricare lapressione nel modo giusto. È molto importante”.


Parlaci meglio del lavoro che staifacendo adesso in KTM. Di cosa ti occupi esattamente?

“KTM è una realtà molto benorganizzata: ci sono persone intelligenti e facciamo in modo cheognuno abbia un compito ben preciso. Io sono il direttore sportivo:il mio lavoro è allenare i piloti, controllare il loro lavoro eaiutarli a comunicare con gli ingegneri della Casa se ne hannobisogno. Per me è più facile capire le parole di un pilota rispettoa un ingegnere, essendo stato anche io pilota. Durante le gare usomolto la telecamera per fare video-analisi e confronti con gliavversari, mentre nei test lavoriamo più sui dati e sulle sensazionidei piloti. Non provo personalmente le moto, ma seguo i turni inpista, così posso comunque analizzare il comportamento della moto edel pilota. Alla fine di ogni giornata di test, faccio una riunionecon tutto lo staff per fare il punto della situazione”.


Comunque ti mantieni in gran forma.Fai ancora motocross?

“Avrei una voglia matta, ma nonposso. Nel 2004 e 2005 mi sono demolito entrambe le ginocchia eadesso mi fanno troppo male per fare motocross. Diciamo che cerco distare attento con il cibo e poi mi alleno coi ragazzi durante lasettimana, soprattutto in bicicletta. In quel modo posso bruciare unpo’ di calorie”.


E magari bere una birretta la sera acena…

“Esatto!
(ride)”.

Alessandro Castellani




1347
19894177_10214009966787552_1314957486_n19883467_10214009966667549_1270179680_n19873884_10214010000268389_145637243_n19894237_10214009958667349_1229813907_n119904532_10214009966587547_61809552_n19894376_10214010000348391_898856801_n19964982_10214010001468419_1702829785_n19904490_10214009966747551_1805299652_n19883800_10214010000588397_957114383_n19883489_10214009966707550_86954583_n19965019_10214010000708400_1013145623_n19904427_10214009966867554_684074270_n19904543_10214009961227413_214371095_n
© 2016 Radio Rider Italia
Create a website